Ministero del Lavoro: L'apprendistato prevale sulla precedenza del lavoratore a termine
 
Interpello n. 2 / 2017
Istanza di interpello ai sensi dell’articolo 9 del decreto legislativo n. 124/2004. Diritto di precedenza ex articolo 24 del decreto legislativo n. 81 del 15 giugno 2015 e assunzione di apprendisti.
 
L’assunzione di apprendisti non integra la violazione del diritto di precedenza dei lavoratori con contratto termine. Tale è, in sintesi, la conclusione cui perviene il ministero del Lavoro con l’interpello 2/2017. Il quesito, formulato da Confcommercio, era finalizzato a conoscere l’interpretazione ministeriale circa la finalità dell’articolo 24, comma 1, del decreto legislativo 81/2015 sul diritto di precedenza di un lavoratore a tempo determinato in due casi: • se il datore di lavoro fa proseguire il rapporto a un apprendista, già in forza presso la stessa azienda, al termine del periodo formativo; • se il datore di lavoro procede a una nuova assunzione, con contratto di apprendistato. In merito alla prima ipotesi, il ministero sofferma la propria attenzione su definizione e finalità del contratto di apprendistato, in particolare quello professionalizzante, che si identifica come contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, caratterizzato dall’obbligo - posto in capo al datore di lavoro – di impartire la formazione all’apprendista, al fine di consentirgli di acquisire le competenze necessarie all’inserimento nel mondo del lavoro e una propria qualificazione professionale nell’ambito del piano formativo individuale.
 
Fonte: Quotidiano del Lavoro del 17 agosto 2017
 
 
 
Copyright © 2012 Phidia S.r.l. - Tutti i diritti riservati
ADMIN AREA